Maroni: «Su Expo ci sono zone oscure da chiarire. Parisi può vincere, con lui ho fatto la legge Biagi»

«Tutto quello che ho fatto al ministero del Lavoro l’ho fatto con Stefano Parisi». Roberto Maroni, presidente della Lombardia, parla della sfida elettorale per il Comune di Milano. A Matera per la firma dell’accordo culturale tra Matera e Mantova, firmato anche dalle Regioni Basilicata e Lombardia, ci assicura che la sfida per il Comune di Milano è tutt’altro che scontata.

Presidente, Giuseppe Sala arriva alle elezioni sul treno dell’Expo, è un vantaggio?

Prendere un treno non so se sia positivo, perché se poi il treno ti viene addosso…Su Expo ci sono zone oscure e poco chiare, lo sappiamo bene, non ho alcun dubbio che Beppe Sala le chiarirà, però deve rispondere prima ai problemi di rendicontazione dell’Expo e poi c’è il problema con la sinistra interna al Pd che potrebbe togliergli l’appoggio.

Problemi di rendicontazione a parte, lei però è soddisfatto di Expo2015

Direi di sì. Abbiamo fatto un miracolo perché siamo riusciti a partire il 1 maggio 2015 e non era scontato. Un grande successo di pubblico, la Lombardia ha riacquistato credibilità nel mondo, ora abbiamo la sfida del dopo Expo perché dobbiamo garantire che diventi un’area d’eccellenza. Sono ottimista su questo.

Perché il centrodestra ha scelto Parisi?

Parisi ha un lungo curriculum di attività, sia come city manger ai tempi di Albertini e soprattutto come direttore generale di Confidustria. Per me è un ricordo particolarmente gradito perché io ero ministro del Lavoro e tutto quello che ho fatto l’ho fatto con lui. Insieme abbiamo fatto la Legge Biagi, riforma pensioni, il “superbonus”. Con lui abbiamo fatto cose concrete. Quindi per me la sua candidatura è una bella notizia. Tutto il centrodestra è unito e il Pd a Milano non ha il vantaggio della divisione che c’è in Parlamento, lo chiamo “modello Lombardia”. Così ci sono le condizioni per tornare a vincere. Ho chiamato questa mattina Parisi per garantirgli il mio sostegno e ci vedremo già nei prossimi giorni.

 

Alessandro Giuseppe Porcari

@paceinterra_it

Leave a Reply