Legapro, per il Matera due mesi di fuoco

Prima in classifica nelle gare esterne. Si conclude così il girone di andata per il Matera. Vince anche a Monopoli, con una prestazione di alto livello. Domina la gara, sottopone il portiere pugliese agli straordinari e alla fine vince 2 a 0, con reti dei due attaccanti Letizia (al 41′) e Carretta (al 57′). Alla fine in conferenza stampa mister Padalino ammette: «Il 2-0 ci va stretto».

Il lavoro di mister Padalino è davvero straordinario. Se al suo arrivo l’obiettivo era la salvezza, ora la classifica parla di 25 punti, con il terzo posto che è a sole 5 lunghezze. Il presidente Saverio Columella da parte sua sta lavorando per rafforzare l’attacco. Potrebbe essere il mercato degli ex perché dopo l’arrivo di Saveriano Infantino dalla Carrarese, potrebbe tornare anche Adou Diop che il Torino aveva spostato da Matera a Lecce. Al senegalese sono legate clamorose vittorie con gol segnati nei minuti finali. Nessun problema invece in difesa. Il Matera è sempre stato solido, fin da inizio stagione. Con undici reti subite, il Matera è la terza difesa del campionato,  contro i 9 del Foggia seconda in classifica e i 10 del Cosenza quarto.

Due mesi di fuoco. Per capire le potenzialità del Matera, i tifosi non dovranno aspettare molto. Le prossime partite, che segneranno il primo e vero confronto tra Padalino e il suo predecessore, Davide Dionigi, daranno già un primo dato.

Due trasferte in Sicilia, ad Agrigento sabato prossimo (all’andata finì 1-0 per il Matera e oggi l’Akragas è in zona playout) e a Catania nel terzo turno (una finta squadra di bassa classifica, perché senza i dieci punti di penalizzazione avrebbe un punto in più del Matera). Al XXI Settembre vinsero i siciliani.

La prima partita in casa sarà nella seconda giornata, posticipo serale lunedì 25 gennaio contro l’Andria, con cui il Matera prese un sonoro 3-0 e che oggi in classifica è sotto di due soli punti. A febbraio sarà la volta della capolista Casertana (contro cui Matera strappò lo 0-0) e la difficile trasferta a Foggia oggi secondo in classifica (con cui il Matera fece un 1-1 che deluse il presidente Columella al punto da esonerare Dionigi). Nelle prime cinque gare, il Matera dovrà fare più di 8 punti. Considerato il valore degli avversari, il Matera dovrà dare prova di essere all’altezza di giocarsi la promozione.

Poi arriveranno tre scontri diretti per la zona playoff. Il 21 febbraio a Matera ci sarà il Messina (che all’andata vinse 2-1), il 28 febbraio trasferta a Benevento dell’ex allenatore Auteri (finì 0-0), infine il 6 marzo c’è il Cosenza, oggi quarto (altra sconfitta di Padalino, per 1-0). Nelle prime otto gare, il Matera aveva fatto 9 punti. Due mesi di fuoco e sapremo la verità su questa squadra.

 

Alessandro Giuseppe Porcari

@paceinterra_it