LegaPro: Matera tenta la scalata, ora è ottavo

MATERA – Pasquale Padalino è stato di parola: «nessun calo di concentrazione con le ultime in classifica». È arrivata così la seconda vittoria consecutiva, ma soprattutto cinque gol in 90 minuti che riscattano i lucani dalla fama di peggior attacco del campionato.

Il Matera visto a Ischia è un ulteriore segno del lavoro del mister. Lo potenza di Armellino, che insacca due volte gli isolani, prima con una fantastica punizione con la palla che va all’incrocio dei pali e poi di collo pieno raccogliendo una sponda di testa in area di rigore. La prepotenza di Letizia che entra in area di rigore isolana e beffa l’intera difesa con un gran tiro che il portiere dell’Ischia non riesce a trattenere. Gammone che con due calci d’angolo becca prima la testa di Ingrosso e poi la spettacolare mezza sforbiciata di Piccinni.

Non è mancato nulla. La prova corale del Matera è stata importante e la classifica sembra sorridere al Matera. Il Lecce fermato dalla Paganese (a prova dell’ottima prova casalinga del Matera contro i campani la scorsa settimana), la Casertana che con due sconfitte in tre partite è ormai a due punti dal Foggia che ha sconfitto il Cosenza. La vetta è ancora lotana, 11 punti, ma i 7 punti dal terzo e quarto posto non sembrano una missione impossibile per questo Matera, con 18 partite e 54 punti ancora in palio. Il Matera sembra avere le potenzialità di fare una scalata come la Juventus. I tifosi ci credono.

Il calendario. Sabato 19 dicembre alle 20.30 allo stadio XXI Settembre c’è la Lupa Castelli Romani. Fuori casa non ha mai vinto e all’attivo ha solo una vittoria e tre pareggi. L’unico nemico per il Matera è se stesso, con la mancanza di concentrazione. Ultima partita del girone di andata sarà il 10 gennaio 2016, dopo le festività natalizie con la trasferta a Monopoli.

 

Alessandro Giuseppe Porcari

@paceinterra_it