Capodanno Rai, Matera si prepara alla carica dei 50mila

Matera debutta in diretta mondiale. La festa del Capodanno Rai con L’anno che verrà è il primo evento mediatico di livello internazionale che la Capitale europea della cultura 2019 deve affrontare. 150 milioni di telespettatori in tutto mondo e 50 mila persone in piazza sono i numeri da capogiro per il capoluogo lucano.

Piazza Vittorio Veneto, in gran parte occupata dal mega palco Rai, potrà accogliere al massimo 13 mila persone. Per questo è prevebile che la piazza si riempia con largo anticipo rispetto all’inizio del concertone previsto in prima serata alle 21. Chi non riuscirà a entrare in piazza Vittorio Veneto sarà dirottato sull’asse via del Corso – piazza San Francesco – via Ridola dove la massa di delusi ritardatari seguirà il concerto sui maxischermi.

I problemi di ordine pubblico hanno messo in moto una macchina che riguarda sia la sicurezza che i trasporti, con un coordinamento tra Comune di Matera e Questura. «È un evento straordinario che va oltre le nostre dimensioni» è l’ammissione di Valeriano Delicio, assessore ai trasporti del Comune di Matera. Persino il parcheggio dell’ospedale sarà messo a disposizione degli ospiti. Poi navette gratuite legheranno la periferia e il centro, favorendo sia l’accesso che il deflusso dall’area del concerto. Ai materani si consiglia vivamente di non prendere la macchina e questo lascia intendere quale sarà l’impatto dell’evento sul traffico cittadino giovedì.

I divieti. Nienti botti di fine anno. La Questura vieta qualsiasi artificio pirotecnico con effetto «scoppiettante, crepitante o fischiante», in qualsiasi luogo pubblico e privato. Praticamente si salvano solo fontane, bengala, bacchette scintillanti e simili, trottole, girandole e palline luminose. Insomma, nulla che piaccia agli adulti, con i commercianti di fuochi che a Matera si preparano ad un anno terribile. Tutte le strade attorno al centro saranno interdette al traffico. Area rossa per i Sassi, dove la Ztl sarà estesa fino alle 2 del Capodanno 2016 per evitare che gli storici rioni diventino area di parcheggio e bivacco. A rischio anche stappare lo spumante, un classico delle feste di fine anno nelle strade di tutto il mondo, perché in zona concertone sarà impedito il consumo e la detenzione di bottiglie di vetro. Vedremo se Matera si doterà di bottiglie di spumante di plastica. L’accesso alla piazza avverrà dopo rigidi controlli per evitare l’introduzione di qualsiasi oggetto che possa creare problemi di pubblica sicurezza. Infine niente affari per i commercianti itineranti per loro divieto assoluto di vendita.

Alberghi tutto esaurito. Non si trova più posto per dormire da almeno dieci giorni. Per il sito Booking.com l’albergo più vicino è a 30 chilometri da Matera. Non ci sono camere ad Altamura e Gravina in Puglia, le città più vicine a Matera. L’evento è straordinario, ma la capacità ricettiva della città dei Sassi ormai è palesemente sottodimensionata. Il sindaco Raffaello De Ruggieri ha chiesto 2.200 posti letto in più entro il 2019. L’impatto mediatico del Capodanno Rai potrebbe favorire gli investimenti già nel nuovo anno.

 

Alessandro Giuseppe Porcari

paceinterra_it