Basket A2: l’Olimpia Bawer investe nel sociale

«Vogliamo avere un ruolo nella cultura e nella crescita sociale della città», Pasquale Lorusso presidente della Bawer Olimpia Matera, società di basket che milita nel campionato di A2, lancia una nuova sfida per lo sport materano.

Si inizia con 20 abbonamenti donati alle famiglie più bisognose perché la Bawer Olimpia possa essere un patrimonio di tutti, indipendentemente dalla condizione economica. «Vogliamo sostenere il cammino verso Matera2019: non c’è cultura senza un investimento nel sociale».

È solo l’inizio. La Bawer, azienda materana che produce e commercializza componenti ed accessori in acciaio, vuole far leva sul sociale come chiave per il rilancio internazionale di Matera. «Non possiamo limitarci al manufatturiero o pensare di investire fuori fin quando non abbiamo terminato di far crescere il territorio in cui viviamo», sottolinea Lorusso.

La sfida sociale dell’Olimpia Basket arriva in un momento cruciale del campionato di A2: ultima in classifica, con gravi problemi difensivi. «Siamo ambiziosi, anche se siamo in difficoltà. Lo sport non deve mai far mancare il sostegno alle emergenze sociali», assicura Lorusso, che tutto sommato appare sereno sul futuro sportivo.

L’impegno sociale dell’Olimpia non si limita agli abbonamenti. Rocco Sassone, presidente della Ingest (società di ingegneria e consulenza aziendale, importante sponsor del basket materano), sottolinea l’attività di rilancio del palazzetto di viale delle Nazioni Unite: «Il PalaSassi è superato, ma stiamo risolvendo i problemi per l’accessibilità dei disabili. A loro garantiamo posti macchina, per loro abbiamo ripulito le rampe perché venivano utilizzate in altro modo e offriamo una persona dello staff Bawer Olimpia, al servizio di chiunque faccia richiesta per l’entrata e l’uscita dalla palazzetto. Tutti i tifosi devono sentirsi a proprio agio quando entrano», dice l’ingegnere.

Si tocca così il tema dell’ampliamento del parcheggio: «Stiamo cercando di dare un minimo di decoro al palazzetto con interventi mirati per la riqualificazione degli ambienti, ma dall’amministrazione comunale ci aspettiamo 130 posti macchina aggiuntivi perché la Federazione ci chiede 2mila posti in caso di play-out o play-off», spiega Lorusso.

Marilena Antonicelli, assessore alle Politiche sociali del Comune di Matera, è entusiasta dell’iniziativa:  «È un’opportunità per tutta la città, lo sport deve aiutare i ragazzi nel percorso di crescita», sottolinea, confermando l’impegno della giunta comunale per l’ampliamento del parcheggio, così come richiesto dalla Bawer. Orgoglioso anche il capitano della squadra Francesco Guarino: «È importante per me lavorare per una società che ha traguardi importanti anche nel sociale. Pratico questo sport da anni e so quanto questo sport formi il carattere».

Infine non è mancato l’annuncio per i tifosi: «Siamo già attivi sul mercato», annuncia il presidente Lorusso, «un giocatore è arrivato dagli Stati Uniti, stiamo valutando l’opportunità del suo inserimento in squadra».

La Bawer disputerà due incontri casalinghi. Domenica al PalaSassi c’è il Verona, quinto in classifica. Domenica 13 dicembre invece sarà la volta del Ravenna. Al PalaSassi, tra i tifosi ci saranno già i 20 nuovi abbonati. Speriamo che portino fortuna.

 

Alessandro Giuseppe Porcari

@paceinterra_it